Translate

venerdì 14 gennaio 2011

La mia stagione preferita - 2° PARTE

Lei uscii fuori e iniziò a camminare a passo spedito e pensò bene di prendere il pullmane di tornare a casa da sola, anche se i genitori non c'erano, ma erano in vacanza a Cortina.
Noi tutti preoccupati, non la vedevamo tornare, era quasi l'ora di cena ed iniziava a farebuio, persino suo fratello Simone era in pensiero e decise di cominciarla a cercare pensandoche sua sorella si fosse persa.
Per fortuna Renata incontra, durante il suo cammino, un ragazzo della zona che gli indica lastrada anche se lei ha poca intenzione di tornare indietro.
Vedendola incerta gli offrì ospitalità invitandola a passare il Natale con la propria famiglia.Intanto noi tutti continuavamo a cercarla in zona senza vederne alcuna traccia.
Ad un certo punto, però, sentimmo suonare alla porta e quando aprimmo si presentò unragazzo con Renata.I due finalmente si abbracciarono dicendosi:"Io ti voglio un mondo di bene anche se sei ungran rompiscatole!" - disse Simone a sua sorella e sua sorella rispose:" Anch' io anche sesei uno strazio!" E così tutti felici e commossi iniziammo a festeggiare il Natale.
Il resto della serata fu felice e festosa accompagnata dalla caratteristica neve che scendevagiù dal cielo.
Oltre a giocare a tombola, come vuole la tradizione, cantammo a squarcia gola molte canzoninatalizie per arrivare ad aspettare la mezzanotte per scambiarci finalmente i regali.
La mattina dopo trovammo molta neve e decidemmo tutti felici insieme di iniziare a creare unpupazzo di neve e a buttarci le classiche pale di neve addosso divertendoci molto.
Non mancarono i bisticci fra i due fratelli Simone e Renata ad animare un po' la giornata, matutto sommato siamo stati tutti bene.
Passati questi due giorni festivi decidemmo io e e alcune mie amiche di prendere qualchelezione di scii <<>>.
Posta un commento